Archivi tag: castelnuovo garfagnana

Personaggi: l’ultimo libro di Andrea Campoli sulle figure eccellenti della Garfagnana

campoli-personaggi-cop

In libreria l’ultimo libro di Andrea Campoli “Personaggi. Figure ed eccellenze della Garfagnana” pubblicato da Garfagnana editrice.

Da Augusto Cantoni alla famiglia Carrari, dai Corghi a Don  Marino, da Don Mencucci agli Orlando, da radio Nord Garfagnana ai Migranti, da Bernardino del Castelletto al maestro Bartolomei, da Wladimiro Zucchi all’On.Biagioni, da Paolo Andreucci a Roberto Nobili. Sono tanti i volti e le storie in questo libro attraverso le quali si riscopre la storia della Garfagnana. Raccontando i personaggi che hanno onorato la valle, Andrea Campoli torna in libreria dopo i successi dei libri “La Fontana dei Pensieri e storie in Rima” e “La Valle Incantata”. Al centro di “Personaggi” sempre il desiderio di unire il tempo presente a quello passato, disegnando le figure di piccoli e grandi uomini e donne.

Andrea Campoli (Andreino Moreno) è nato a Castelnuovo di Garfagnana il 30 novembre 1952 e risiede da sempre nel paese di S. Anastasio in comune di Piazza al Serchio in provincia di Lucca. Sposato con Marinella, due figli, Renzo e Sabrina e nonno di Alessio. Titolo di studio: Scuola Media. Operaio presso Corghi spa dove ha lavorato per oltre 40 anni ed ora pensionato. Nel 1990 fu eletto consigliere al comune di Piazza al Serchio ed in quell’ambito fu tra i promotori della Manifestazione itinerante Natale Insieme dove cominciò a raccontare le “fole”. Nel 2005 partecipò al festival Il Canto del Mondo ideato dalle provincie di Lucca, Massa, Parma e Reggio Emilia, come raccontatore di fole e col nome di Tatone Contafole. Partecipò anche l’anno successivo e da li spiccò il volo come contafole. Grande lettore “divoratore” di libri, in età avanzata ha scoperto la poesia e i poeti più importanti. Si è voluto cimentare in questo campo raccontando pensieri e storie in rima. Autore dei libri La Fontana dei Pensieri e storie in Rima e La Valle Incantata ha riscosso un discreto successo di critica e di pubblico.

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Garfagnana editrice Archivio

Normanna Albertini ospite in Senato con “Sulle spalle delle donne”

Successo al Senato per il libro “Sulle spalle delle donne” di Normanna Albertini edito da Garfagnana editrice

normanna-albertini-roma-garfagnana-editrice

E’ stata una festa delle donne differente per la scrittrice Normanna Albertini che ha presentato il proprio libro “Sulle spalle delle donne” (Garfagnana editrice) in Senato a Roma con le senatrici Anna Finocchiaro, Maria Teresa Bertuzzi e Leana Pignedoli.
Durante l’evento in sala Nassiriya l’autrice ha letto alcuni brani e trovato conclusioni che legano la donna alla terra, all’ancestrale bisogno di maternità e di continuità, tra gesti tramandati e ripetuti nei secoli, di antichi saperi e rinnovati sapori. “Non so perché, né da dove le fossero giunti – leggiamo nel suo prezioso libro – ma mia nonna Eva aveva due vasi di oleandri che, con i primi freddi, finivano al riparo in uno scantinato della ‘casa vecchia’, insieme al sedano, accuratamente levato dall’orto e interrato in un mastello riempito di sabbia, così da conservarsi – bianco e turgido – per l’inverno. I cavolfiori e le verze, al contrario, come teste dormienti di creature silvane – elfi o folletti – restavano nell’orto; le rugose verze, bollite con le ossa del maiale e il riso, sarebbero diventate, nei mesi seguenti, un ottimo piatto invernale. Che poi, se ci aggiungevi l’uovo sbattuto con un bel po’ di parmigiano grattugiato (la tridüra), il sapore guadagnava indicibili vette di piacere”.
Nel suo intervento Normanna Albertini ha parlato di terre di crinale sugli Appennini tra la Garfagnana e il reggiano, tra genti in movimento, transumanti e con identiche tradizioni. Le castagne come il pane e poi la vacca nella stalla, il mulo come mezzo di trasporto e la fatica delle donne che hanno sulle spalle la vita di un’intera famiglia.
I racconti sono quelli di una bambina che cresce in un ambiente contadino dove non si buttava via nulla e dove l’arte del riciclo e del riuso è arte di vita.
Un successo dunque per Normanna Albertini e per la Garfagnana editrice con una novità. La scrittrice reggiana, esperta del pittore Pietro da Talada sta per uscire in libreria con la riedizione del bellissimo libro “Pietro dei colori”, che edito da Tra le righe libri, sarà presentato a maggio al Salone Internazionale del libro di Torino.
La presentazione del libro in Senato a Roma rientrava nel programma ‘Donne di terra e di orizzonti, Agricoltura tra tradizione e innovazione’ organizzato dalla vicepresidente della commissione Agricoltura Leana Pignedoli. Erano presenti imprenditrici da tutta Italia e i vertici femminili di CIA e altre realtà associative in ambito nazionale.
L’iniziativa era coordinata dalla senatrice Maria Teresa Bertuzzi, capogruppo Pd in commissione Agricoltura e le conclusioni sono state affidate ad Anna Finocchiaro.

Lascia un commento

Archiviato in Garfagnana editrice Archivio, Uncategorized

Yellow kid non dimentica gli amici

yellow kid

 

Il 2015 è stato un anno di corsa per le case editrici Tra le righe libri e Garfagnana editrice. Sono state organizzate 82 presentazioni tra Roma, Cagliari, Catanzaro, Torino, Lecce, Lucca, Firenze, Bologna e molte altre città sparse in tutta la penisola. Otto i festival letterari curati per un totale di 24 giorni tra Toscana, Puglia, Calabria e Lazio. Cinque i giorni passati al nostro stand al Salone Internazionale del libro di Torino.

I due marchi editoriali hanno edito 30 libri tra storia e narrativa.

I libri usciti per Tra le righe sono stati 26, mentre 4 quelli con Garfagnana editrice.

Questi in sintesi i numeri da record di due piccole realtà editoriali che da 3 anni stanno lavorando con un ampio respiro.

Sono stati siglati alcuni importanti accordi in merito alla distribuzione con Fastbook ha permesso ai libri del catalogo di entrare in Feltrinelli e Librerie Coop, mentre nel campo internazionale è stato chiuso l’accordo con Amazon.

Il 2016 si apre con tante nuove sfide e la prima riguarda proprio il colosso americano e gli ebook. Due segmenti che Tra le righe libri e Garfagnana editrice intendono percorrere al galoppo.

Oggi Tra le righe libri ha 43 titoli in catalogo; Garfagnana editrice ne ha 38. In totale fanno 81 piccoli “soggetti” vivi, pulsanti, da amare e odiare come si deve fare con i libri che solo così possono entrare dentro di noi fino in fondo.

In uscita tra gennaio e febbraio 2016 già 6 titoli con la prima e 3 con la seconda. Tante piccole pietre d’angolo a combinare insieme qualcosa di prezioso.

 

Segui Tra le righe libri www.tralerighelibri

E Garfagnana editrice www.garfagnana-editrice.it

Lascia un commento

Archiviato in Garfagnana editrice Archivio, Uncategorized

Un semplice caso d’omicidio

 

pierotti-copertina2

Sono gli anni dell’immediato dopoguerra in un paese della Garfagnana: Trassilico. Gli abitanti cercano di ritrovare la serenità necessaria per ricominciare a vivere. Il lavoro nei boschi, alla teleferica, o nei campi per un magro raccolto, assieme al recupero di antiche tradizioni come “Il maggio”, servono anche per dimenticare le sofferenze che l’aver vissuto sulla Linea Gotica ha procurato. Il ritrovamento del corpo senza vita del giovane Oreste, rimette in crisi il fragile equilibrio faticosamente raggiunto. È il maresciallo Tiberio Bertini, di Gallicano, che deve risolvere quello che appare come un semplice caso d’omicidio. La realtà, come sa bene anche il maresciallo, è sempre diversa da come appare a prima vista. Accompagnato dalla moglie, che approfitta dei viaggi del marito verso il paese dai panorami incantevoli, per addolcire le amarezze di un matrimonio che si sta logorando, mette a nudo i conflitti e le miserie che affliggono anche una comunità così piccola. La presenza notturna di un essere malefico, annunciatore di morte, contribuisce a turbare gli animi, ma non Tiberio, che troverà il colpevole, anche se avrebbe preferito non farlo.

Lascia un commento

Archiviato in Garfagnana editrice Archivio, Uncategorized

Leggere gustando: il festival bioletterario in Garfagnana con Pino Scaccia, Beppino Englaro e Francesco Recami

englaro recami scaccia

Leggere gustando: la sesta edizione del festival bioletterario dal 10 al 12 luglio con Beppino Englaro, Pino Scaccia e Francesco Recami

Dal 10 al 12 luglio si svolgerà a Castelnuovo di Garfagnana sotto il Loggiato Porta, la sesta edizione del festival bioletterario “Leggere gustando”, con tanti scrittori e tra gli ospiti Beppino Englaro, Pino Scaccia e Francesco Recami.

L’evento, patrocinato dal Comune di Castelnuovo, che riunisce i lettori della valle, è organizzato da Tra le righe libri e Garfagnana editrice.

Il “Leggere gustando” fa parte della rete dei festival letterari di Prospektiva.

I partner di riferimento sono Slow Food Garfagnana Valle del Serchio, La Libreria di Crudeli e La Libreria Magnani.

Il programma prevede il 10 luglio l’anteprima alle 21 con gli scrittori Simonetta Simonetti, Monica Dini, Normanna Albertini e Roberto Andreuccetti, che presentano i loro ultimi libri confrontandosi con l’esercizio della scrittura.

Alle 21.45 Beppino Englaro parla del libro “La vita senza limiti. La morte di Eluana in uno stato di diritto” (Rizzoli). Modera Andrea Giannasi.

Il 9 febbraio 2009 Eluana Englaro moriva. Ci sono voluti 6233 giorni perché il padre potesse liberarla e dirle addio; diciassette anni di vita sospesa fra la vita e la morte, durante i quali Beppino Englaro ha lasciato il suo lavoro e si è immerso nelle carte. Ha studiato codici e regolamenti, ha partecipato a convegni e incontrato politici, giuristi e teologi, nel tentativo di capire come dar voce alla figlia e far rispettare la sua volontà percorrendo sempre la strada della legalità. I suoi sono stati anni senza tregua, senza pause, senza possibilità di fuga o di riparo dalla violenza di una vita artificiale imposta a Eluana da uno Stato etico, che può arrivare a privare delle libertà fondamentali i suoi stessi cittadini. In questo libro l’autore rievoca i ricordi e le lettere di sua figlia e ripercorre gli ultimi mesi della vita di lei anche attraverso la propria storia di uomo riservato, costretto dagli eventi a farsi portavoce di un popolo silenzioso che ogni giorno, negli ospedali, si pone domande semplici e aspetta risposte umane, e viene invece abbandonato dalla politica in un limbo di sofferenza. Una battaglia in cui Englaro è tuttora impegnato perché la libertà di cura sia un valore collettivo, perché la legge rispetti l’individuo e non dia a altri se non a lui stesso il diritto di decidere della propria salute.

Durante l’evento degustazione di prodotti tipici della Garfagnana.

Sabato 11 luglio alle ore 21 saliranno sul palco per parlare di “storie di guerra” Grazia Lucchesi, Marco Vignolo Gargini, Ciro Pinto e Daniele Lazzarini. Tra partigiani in Garfagnana, combattenti nella Prima Guerra mondiale, storie di guerra ai civili e l’orrore indimenticabile di Auschwitz gli ospiti incontreranno i lettori in un viaggio senza fine.

Alle 21.45 lo storico inviato del Tg1 della Rai Pino Scaccia presenterà “Armir. Sulle tracce di un esercito perduto” (Tra le righe libri), un saggio che ricostruisce la storia della tragedia degli alpini e dei fanti italiani nel gennaio 1943 in Unione Sovietica.

«Sono un russo che abita nella regione di Voronetz, dove voi italiani state cercando i resti dei soldati morti durante la guerra tra Unione Sovietica e la Germania, cinquant’anni fa. Vorrei aiutarvi perché sono stato testimone di ciò che è successo durante la vostra ritirata e conosco tante fosse dove i prigionieri italiani sono stati sepolti. Ce ne sono centinaia: quante siano esattamente nessuno lo sa e non lo saprà mai perché il tempo le ha cancellate». Un viaggio sulle tracce dell’Armir, l’armata italiana dispersa in quella che oggi è l’Ucraina. Tra gli archivi finalmente aperti dei ministeri sovietici e sui luoghi della disastrosa marcia del Davaj. Pino Scaccia ha dato risposte dopo tanto tempo a tremila delle ottantamila famiglie dei dispersi e ogni volta è stato un pugno allo stomaco, scoprendo il miracolo di chiudere un dubbio.

Degustazione di vini, pane e salumi a cura di Slow Food Garfagnana.

Domenica 12 luglio alle 21 anteprima con Beppe Calabretta, Rossana Giorgi Consorti e Italo Pierotti alla ricerca dei legami tra la scrittura e i territori: in primo piano Lucca, e due piccoli paesini in Garfagnana e in Calabria.

Alle 21,45 Francesco Recami presenta “Piccola enciclopedia delle ossessioni” (Sellerio).

“Una spolverata di cinismo, un pizzico abbondante di perfidia, una macinata di comicità sfumata al nero”. È quanto scrive Santo Piazzese pensando a Recami, e descrive idealmente la commedia umana tratteggiata dallo scrittore fiorentino in questa raccolta di racconti, vero e proprio catalogo di caratteri esemplari, specchio deformante e disvelatore dell’indole nazionale. Attraverso narrazioni che si rifanno alla commedia all’italiana, alla novella esistenzialista, al racconto iperreale, Recami sviluppa una satira comica e feroce dei vezzi e dei vizi, dello snobismo e del pressappochismo di quell’affollato condominio a forma di stivale in cui farsa e tragedia si alternano senza interruzione. E su tutto domina un sentimento universale, che accomuna i personaggi di ogni ordine e grado: l’ansia, la preoccupazione, la nevrosi pungente, l’agitazione tremebonda, l’insicurezza mascherata da precisione maniacale, la persuasione delirante di essere nel giusto, insomma quell’atmosfera emotiva in cui ognuno di noi è quotidianamente immerso.

Durante l’evento degustazione di prodotti tipici della Garfagnana a cura di Slow Food Garfagnana.

Il Leggere gustando dunque il festival bioletterario giunto alla sua sesta edizione con grandi ospiti, grandi temi e tanti lettori pronti ad incontrare tanti e nuovi libri.

E la Garfagnana come luogo. Un luogo, secondo le definizioni enciclopediche, è parte di uno spazio delimitato, considerato in funzione di ciò che in esso si colloca: dunque luogo reale, immaginario; della memoria. Ma anche luogo inteso come l’ovunque.

Il luogo è anche posto definito, una parte della superficie terrestre con particolari caratteristiche; ma anche un luogo pubblico dove tutti possono entrare oppure un luogo privato o molto più intimo e personale. Come luogo dell’anima.

Poi ci sono dei luoghi che hanno tutti questi elementi sovrapporti, fusi, sommati.

Uno di questi luoghi è la Garfagnana, che vive con il festival bioletterario Leggere Gustando giorni di intensa scoperta di nuovi luoghi.

http://www.prospektiva.it/leggeregustando.htm

Lascia un commento

Archiviato in Garfagnana editrice Archivio

Garfagnana in giallo 2012

Grande successo per il Garfagnana in Giallo

E’ il libro Sherlock Holmes e la morte del cardinale Tosca di Luca Martinelli il vincitore del Garfagnana in giallo 2012 sezione libri editi. Per i racconti a vincere sono stati Delitti nel parco dell’Orecchiella di Paolo Bartolozzi e Il terzo colpo di Maurizio Maggi.
Premio speciale della giuria a Nella Carne di Sara Bilotti, Premio del Giornale di Castelnuovo al racconto Magix di Iacopo Riani.
Nella splendida cornice della Fortezza di Montalfonso a Castelnuovo di Garfagnana sabato 24 novembre di fronte ad un folto pubblico sono state consegnate le targhe del premio, giunto alla quarta edizione, dal direttore Andrea Giannasi e dai responsabili delle giurie tecniche Enrico Luceri (per la parte inediti) e Fabio Mundadori (per il libri).
Moltissimi i partecipanti all’evento provenienti da tutta Italia. Tra di loro alcuni giallisti che per la prima volta visitavano la Garfagnana e alcuni scrittori come Stefano Carnicelli, che arriva da L’Aquila, ed è autore del romanzo Il cielo capovolto con la prefazione di Pino Roveredo.

L’ospite della serata Carlo A. Martigli ha consegnato il primo premio dopo aver presentato nella sala superiore della Casa con gli Archi, L’eretico, thriller storico edito da Longanesi che ha superato le 100mila copie vendute e già tradotto in 16 paesi nel mondo.
Il Garfagnana in Giallo organizzato dal Giornale di Castelnuovo con la collaborazione di Abel Books, Prospettiva e Garfagnana editrice anche quest’anno ha avuto la collaborazione di un importante artista per realizzare la copertina. Dopo Antonio Possenti, Riccardo Benvenuti e Giampaolo Talani nel 2012 è stata la volta di Roberto Fontirossi.
All’evento ha partecipato l’assessore alla scuola del Comune di Castelnuovo Elena Picchetti che ha consegnato a Carlo A. Martigli, Damiano Celestini (giornalista de Il Messaggero di Roma e autore della diretta Twitter dell’evento con l’hashtag #giallogarfagnana) e Luciana Quattrini, giallista di Senigallia giunta in Garfagnana per presentare il suo ultimo romanzo dal titolo Adriatico, gli occhi del Puma, le targhe con lo stemma cittadino.
Dopo le presentazioni (tra queste anche l’ultimo giallo di Mundadori) nelle sale inferiori della Casa con gli Archi della Fortezza si è svolta una Cena Criminale, organizzata dalla EccoFatto di Terracina.
Intorno alla morte di Gianni Vitelli – noto imprenditore del mondo dei trattori – si muove una storia che vede coinvolti tra gli altri Lapo El Can, Flavio Briacone, Angela Spread, ed altri personaggi magistralmente interpretati da Massimo Lerose.
Un evento delittuoso tra indizi e interrogatori che ha appassionato gli oltre cento invitati seduti a cena in fortezza. E tanta era la difficoltà delle indagini che solo Ludovica – che poi ha ricevuto l’attestato di investigatrice provetta – è riuscita ad avvicinarsi alla soluzione finale.
Appuntamento all’edizione 2013 con il Garfagnana in Giallo che dopo essere approdato a RaiLetteratura, ha superato sul motore di ricerca Google le 75.000 pagine, diventando uno dei cinque premi letterari dedicati al libro poliziesco più famosi d’Italia.

Erano giunti in finale Sherlock Holmes e la morte del cardinale Tosca di Luca Martinelli, Il commissario Martini e i delitti senza determinante causa  di Bartolone & Messi, Lacrime di cristallo di Mario Pinzi, Marginalia di Fausto Meoli, Nella Carne di Sara Bilotti.
Nella  sezione inediti i racconti finalisti (che sono pubblicati nell’antologia del Garfagnana in Giallo edita da Prospettiva) erano: Delitti nel parco dell’Orecchiella di Paolo Bartolozzi
La cava e il morto di Maria Pia Pieri, Il terzo colpo di Maurizio Maggi, Morte al palio di Antonella Pellegrinotti, Ideali letali di Alessandro Marchetti Guasparini
Santa Lucia di Castiglione di Maria Enrichetta Cavani, Le croci del diavolo di Marco Catocci e
Magix di Iacopo Riani.


Informazioni e note su http://garfagnanaingiallo.wordpress.com/

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized